La minestra d’orzo di mamma

La minestra d’orzo di mamma non è solo uno dei piatti che lei, da sempre, cucina con cura per scaldare le sere d’inverno di papà e a volte anche le mie.
La minestra d’orzo di mamma è una di quelle esperienze che ti porti in giro nella memoria e nei profumi, che ti fa salire al naso odore di casa, calore di ambienti appannati che rassicurano come un’abitudine, una presenza, una carezza.
La minestra d’orzo di mamma è l’orzet del dialetto trentino, e ieri ho provato a farlo anche io.
Il risultato è stata una mia interpretazione delle sue magie, la firma di un’altra generazione su un piatto che le unisce, che fa voglia di rifugi e baite, panche condivise e risucchi rumorosi dai cucchiai fumanti.
Mi sono immersa nel fare, nei tempi dolci di chi prepara il cibo con e per amore.
Tagliare le verdure a piccoli pezzi, sentir sfrigolare il soffritto che avvolgeva i fornelli nel suo profumo pungente e piccante, sentire la pentola che borbottava per la lentezza di 40 densi minuti, senza fretta, senza urgenze.
E poi riporne la maggior parte in vasetti di vetro da lasciare nel congelatore per i giorni difficili. E qualche mestolata tenerla per la ciotola di coccio e gustarlo così, nel silenzio di un filo d’olio e una nevicata di pepe, e pensare di ritrovarsi insieme dentro un ricordo che sa di noi.
B cucina orzetto alla trentina

Ingredienti

Orzo perlato
Piselli | Fagioli
Carote | Zucchine | Patate
Sedano | Porro | Cipolla | Aglio

SUPPORTA
ECO SELVATICA

ECO SELVATICA è un progetto di divulgazione filosofica in natura attraverso articoli, laboratori e riflessioni su letteratura, società, ambiente, cibo, animali, consapevolezza e conoscenza di sé.
Produrre contenuti curati e promuovere attività laboratoriali non è a costo zero.
Hai voglia di contribuire?
Se pensi di poter dare un piccolo contributo … puoi farlo qui.
Grazie! 

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  1. Leggendo il tuo commento raddoppia la mia soddisfazione di condividere anche con te le mie ricette. Comunque anche la tua interpretazione sembra molto gustosa. Buon Appetito!!!